L’importanza dei rituali domestici

L’importanza dei rituali: cosa dicono? La magia è un ponte che ti permette di passare dal mondo visibile in quello invisibile. E imparare le lezioni di entrambi i mondi. Cit. Paulo Coelho

Mi piace pensare che quel ponte sia definito dalla linea sottile che separa il tempo tra la vita visibile e quella invisibile: la prima scandita da impegni (lavorativi e non solo) a cui ognuno di noi deve far fronte ogni giorno – fatta di scadenze da rispettare, bollette da pagare, rapporti da coltivare, esami da sostenere, progetti da avviare – mentre la seconda tocca la dimensione più interna e vulnerabile- quella parte “invisibile”, appunto, e alla quale un numero molto ristretto di persone a noi care hanno l’opportunità di accedere.

La bella notizia è che, mentre nella vita di tutti i giorni spesso si ha la necessità di urlare per farsi ascoltare,  in quest’ultima sfera si ha l’opportunità di coltivare la propria intimità fatta di parole gentili, il tempo che rallenta permettendo ai nostri sensi di farsi sentire: quando quest’ultimi si addormentano equivale a morire ancora prima di esserlo.

I rituali permettono di scandire le nostre giornate (e specificherai “i sani rituali”) attraverso l’unico strumento in grado di trasformare e migliorare realmente la vita personale: la consapevolezza.

Un rituale aiuta a connetterci alla nostra forza vitale, alla nostra femminilità e questo ci dona il potere per essere ogni giorno le donne che siamo.

Lo dicevano già le nonne: la  cura anti-invecchiamento è proprio il mangiare sano e dormire bene, è prevenzione e non ci sono scorciatoie.

Iniziamo quindi a parlare di Slow Living, ovvero la casa abitata e vissuta come un modo di vivere, che può partire dal modo in cui trattiamo e ci prendiamo cura dei nostri spazi. Come dimostrano tanti studi, questa riconnessione al ritmo naturale della vita ha un enorme effetto sul corpo e sulla mente che assolutamente poi si irradia attraverso la pelle dando nuova forma all’espressione del viso, agli occhi, alla grazia dei movimenti.

Ciò che viene facilmente catalogato come vanità è una forza di guarigione intensa.  Questo è ciò che fanno i riti: ti permettono di vivere e mettere cura nel momento stesso, nel presente e  di lasciare tutto dietro e di ringiovanire la tua anima. Non è vanità, ma  solo amore per se stessi.

Semplicemente spazzolarsi i capelli o lavando il proprio volto; sistemare con cura le lenzuola del letto o  i cuscini del divano; riempire gli scaffali di oggetti unici o preparare la tavola in modo speciale in un giorno ordinario. Sono tutti gesti normali che possono costruire rituali. Non si tratta di quanto tempo  spendi, ma con che intenzione che tu ti adoperi a prenderti cura di te a partire dallo spazio che ti circonda quotidianamente.

La ricerca della bellezza è un viaggio spirituale. Quando l’intenzione nutre il desiderio dei riti quotidiani, nutre anche l’anima. Spendiamo troppo tempo a rispondere all’ e-mail, alle chiamate, ai post sui social ma tutti possiamo prendere l’abitudine di rallentare e sintonizzarci per alcuni momenti al giorno con la nostra anima permettendoci di vedere la bellezza e di sentirla fisicamente addosso.

Qui i miei consigli per Gennaio che ho personalmente sperimentato durante la pausa estiva appena trascorsa per mettere un piacevole stop quando è lo stress a bussare alle nostre porte.

Al tuo risveglio, cammina a piedi nudi.
Camminare a piedi nudi è un rito capace di radicarti con la madre terra. Radicarsi equivale a permettersi di sentirsi imparando ad essere“solide come elefanti e leggere come farfalle”.  Togliersi le scarpe, poi, al rientro a casa è anche una forma di rispetto; un modo per decidere di lasciare fuori casa tutto il marciume accumulato durante la giornata e permettersi di lasciare andare in una dimensione completamente pulita, nitida, a misura di noi stesse.

Abbandona la TV spazzatura, benvenuto Netflix.
Diversi studi dimostrano di come le azioni e le informazioni ricevute dall’ambiente esterno (e in cui siamo soliti relazionarci nella maggior parte del nostro tempo) influisca sul nostro modo di essere e pensare. La TV è fatta, nella maggior parte dei casi, da canali di informazioni veicolate che subiamo (e non decidiamo consapevolmente) di ascoltare. Ecco che Netflix permette di scegliere cosa guardare nutrendo l’anima di parole gentili, gesti d’amore, lezioni da imparare.

Qui la mia personale lista sperimentata durante i giorni di Natale.
– Il discorso del Re
– Noah
– La teoria del tutto
– 300
– Gatsby
– Lionheart
– Al di là dei sogni

Cammina all’aria aperta e immergiti nella natura.
Il termine Shinrin-Yoku, ovvero “bagno di foresta”, coniato in Giappone negli anni Ottanta dal direttore dell’ente forestale nipponico, fa riferimento all’immergersi nella natura con i cinque sensi. Il bosco, la selva, sono uno stato della coscienza: la condizione in cui ogni desiderio fluisce senza sforzo verso il proprio compimento. L’immersione nella natura ha effetti terapeutici comprovati anche scientificamente: è in grado di ridurre le concentrazioni dell’ormone dello stress nel corpo, di rinforzare il sistema immunitario, di regolare la pressione arteriosa e il battito cardiaco, di abbassare il colesterolo. Ovviamente outfit e scarpe comode per l’occasione senza mai rinunciare all’importanza di volersi bene anche durante l’attività fisica!

Parlare.
In questi ultimi anni, soprattutto nella fascia di transizione tra i 30 e i 40, ho visto molte coppie scoppiare. A mio parere  giunge un momento in cui ognuno mette a nudo le proprie esigenze oscurate all’altra da chissà quanto tempo: ebbene tutto ciò molto spesso arriva dall’incapacità o dall’ “avere poco tempo” per comunicare in modo snello, semplice, diretto, sincero con il proprio partner. La società ci cresce ad essere forti e se non lo si è mai abbastanza, allora nasce in noi il pensiero di non piacere abbastanza, di non essere abbastanza. Io credo, invece, che è forte colei (o colui) che decide di mettere a nudo, innanzitutto, le proprie fragilità comunicando apertamente ciò che sente o semplicemente il “ruolo” che è costretto ad incarnare ogni giorno per cavalcare la quotidianità: questa è la più alta e sublime dichiarazione d’amore.

Crea atmosfere.
E per farlo non serve essere un esperto designer o un abile architetto perché parte dal sentire di ognuno. L’atmosfera si crea dai materiali con cui, per esempio, decidiamo di decorare una tavola; dagli oggetti che impreziosiscono il mobile dell’ingresso; dalle candele che decidiamo di accendere durante una cena infrasettimanale o vivere un momento romantico con il partner. Insomma significa portare calore agli spazi a partire da gesti semplici e genuini.

Non essere turbata o delusa dal fatto che le cose non si muovano nel modo desiderato sin da subito. Concentrati sul fare piccole cose che sono importanti per te. Concentrati sul fare ciò che puoi con ciò che hai. Concentrati, spingendo il minuscolo domino che ti sta di fronte.

Tu hai  il potere di spostare intere montagne.

 

With Love

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *